Comunicare le migrazioni. Un corso gratuito per i giovani tra i 17 e i 25 anni.

Il Comune di Bologna, Ufficio Nuove Cittadinanze – Cooperazione e Diritti Umani e WeWorld-GVC Onlus organizzano insieme ad associazioni della Rete antidiscriminazione della Città metropolitana di Bologna (rete di cui l’associazione pilastrina Mastro Pilastro fa parte) un corso gratuito sull’alfabetizzazione ai media e sul media-attivismo per la narrazione delle migrazioni.

La formazione è aperta a 20 giovani con un’età compresa tra i 17 e i 25 anni interessati ai processi di comunicazione. Obiettivo è quello di fornire strumenti utili per prevenire il diffondersi di fake-news, di stereotipi e di pregiudizi.

Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione e inoltre, 10 dei 20 partecipanti selezioni avranno l’opportunità di far parte del gruppo Young Ambassadors che si riunirà al Ciak MigrAction European Youth Event che si terrà a Budapest (Ungheria) tra fine giugno e inizio luglio 2020.
Le spese di viaggio, di vitto e di alloggio saranno a carico del progetto Ciak MigrAction.

Il programma del corso è suddiviso in 3 moduli per una frequenza di 24 ore complessive (4 ore a giornata per un totale di 6 incontri) in cui verranno trattati diversi argomenti.

Modulo 1
29 febbraio-1 marzo 2020
A cura di Scuola di Pace di Montesole e Trama di Terre

Argomenti:
Team Building/costruzione gruppo
Formazione di base su parole chiave come stereotipi/pregiudizi/propaganda
Focus su comunicazione di genere e attivismo

Modulo 2
14-15 marzo 2020
A cura di CESD (Centro Europeo Studi sulla Discriminazione)

Argomenti:
L’archivio e la memoria audiovisiva
Rovesciare lo sguardo: come rappresentare con la fotografia le marginalità togliendole dalla marginalità? A cura di Lina Pallotta (Fotografa)
I media e l’attivismo attraverso il giornalismo e la parola scritta. A cura di Murat Cinar (Giornalista)
Le terre da cui si parte: le cause della migrazione raccontate dai documentari. A cura di Angelo Loy (Regista)

Modulo 3
28-29 marzo 2020
A cura di Diversa/Mente e Next Generation Italy

Argomenti:
La descrizione della migrazione: dallo stereotipo ai dati reali, rappresentazioni della migrazione nel discorso pubblico
Elementi di etnopsichiatria per osservare la realtà contemporanea, il concetto di persona e di umanità attraverso il metodo dell’etnopsichiatria
Attivismo mediatico digitale dei cittadini di origine migrante – Vincenzo Branà
La reiterazione degli stereotipi e dei pregiudizi nel discorso pubblico sulle persone straniere e migranti, la presa di parola dei cittadini stranieri, la comunicazione non convenzionale: alcuni esempi di guerrilla comunicativa in tema di migrazioni, lo storytelling: la potenza delle storie, lo strumento dell’intelligenza empatica
(In-) attivismo delle nuove generazioni, cosa blocca e cosa spinge a prendere la parola e a diventare un attivista. Confronto intergenerazionale e identità.

Tutti gli incontri si svolgeranno presso il Centro Interculturale Zonarelli, via G.A. Sacco 14, Bologna.
Per partecipare, inviare la propria candidatura entro il 18 febbraio 2020 tramite il seguente link:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScbC4Y2wExyn67n51SUHCa6FdhphDwjc3R_qJAc67cTAZrV5A/viewform?usp=pp_url

(Jonathan Mastellari)