Il Pilastro vicino alle famiglie fragili

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Dopo un anno e mezzo di pandemia, in una zona come il Pilastro, dove alta è la concentrazione di
famiglie numerose con redditi fra i più bassi di Bologna, ma dove non mancano associazioni e gruppi di
cittadinanza attiva, la necessità di rispondere ad esigenze e bisogni concreti delle famiglie a partire dal
territorio stesso, attraverso il coinvolgimento attivo di attori e associazioni della zona, si fa sempre più
forte.
Per questo motivo l’Agenzia Locale di Sviluppo Pilastro Distretto Nord Est, insieme alle due case di
Quartiere del Pilastro nate recentemente: Cà Solare e Casa di Quartiere Pilastro di Via Campana, sta
cercando di dare continuità e consolidare iniziative di solidarietà, come quella del Carrello Sospeso.
La raccolta di generi alimentari e beni di prima necessità, nata un anno fa in piena emergenza Covid19,
per aiutare alcune famiglie del Pilastro segnalate dai servizi sociali, è continuata infatti anche in questi
mesi, grazie alla collaborazione dell’Agenzia Locale di Sviluppo Pilastro con le due Case di Quartiere e si
sta allargando ad altri importanti partner come Case Zanardi.
Durante la prima settimana di maggio è stato possibile effettuare una nuova distribuzione di pasta, latte,
detersivi, merendine, miele e tanto altro ancora, grazie proprio a Case Zanardi che ha messo a
disposizione parte dei suoi prodotti, per le famiglie del Pilastro in particolari condizione di fragilità sociale
ed economica.
Tra i soci dell’Agenzia di Sviluppo Pilastro, un importante contributo è stato dato da Romagnoli F.lli,
azienda del territorio sempre presente durante le iniziative di solidarietà del Pilastro, e che anche in
questa occasione non ha fatto mancare 150 kg di prodotti, tra patate e cipolle.
La distribuzione come sempre, è stata resa possibile grazie alla preziosa presenza dei volontari di alcune
associazioni e delle case di Quartiere: Senza il Banco, Cà solare, Emergency, Auser Bologna,
Cittadinanza attiva della Borgata Pilastro Vecchio, Al Ghofrane.
L’aspirazione è quella di creare al Pilastro una rete di solidarietà locale, avente nella Case di Quartiere, un
prezioso punto di riferimento.