Salva la data 12 aprile ore 18 al DOM: Il Pilastro storia di una periferia

Qualche mese fa è uscito un libro scritto da Giovanni Cristina ricercatore di storia contemporanea ed esperto di processi di modernizzazione delle città mediterranee nel dopoguerra. Un libro bello, molto approfondito nella ricerca d’archivio; è un contributo fondamentale per la comprensione di come nacque il Villaggio, di come le istituzione sono intervenute, di come l’autorganizzazione degli abitanti abbia conquistato cambiamenti, partendo non dai ricordi o dai racconti, ma utilizzando i documenti dei protagonisti della storia del nostro rione ( Comune di Bologna, IACP oggi ACER, Archivio della Diocesi, Archivio del PCI, ecc).

Per chi vive qui da tanti anni, una lettura interessantissima, anche perchè ti accorgi che, a volte, i ricordi personali non coincidono esattamente con le date e la ricostruzione puntuale degli episodi, mentre il clima, le emozioni, le sensazioni vissute ti aiutano a comprendere e valorizzare la strada percorsa e i grandi cambiamenti intervenuti.

Per questo motivo la redazione del blog, che aveva lavorato per pubblicare la mappa del Pilastro con la breve storia di luoghi e fatti per noi particolarmente significativi, si è fatta promotrice insieme alla Biblioteca Spina di organizzare al Pilastro la presentazione del libro.
Quale posto adeguato ad una pubblicazione di Franco Angeli, uno degli editori più qualificati nel settore? DOM la cupola del Pilastro all’interno della rassegna Gli anni incauti, anche per collegarci all’Archivio digitale di Comunità curato da Laminarie nel corso del progetto Pilastro 2016.

Vi aspettiamo tutti: sarà un’occasione per essere come sempre, protagonisti della nostra storia.

Il Villaggio del Pilastro tra passato e futuro: spazi, società, prospettive
Dibattito pubblico a partire dal volume di Giovanni Cristina
Il Pilastro. Storia di una periferia nella Bologna del dopoguerra, FrancoAngeli, Milano, 2017.


Interverranno, oltre all’autore,
Luca Gullì – studioso di urbanistica (Ministero dei Beni Culturali),
Maria Elena Seu – storica e ricercatrice presso il Cnr-Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea (Isem) di Cagliari,
Maurizio Sani – urbanista,
Bruna Gambarelli – curatrice archivio digitale di comunità del Pilastro

Testo di Claudia Boattini